Questa Volta metti in scena… PINOCCHIO

14^ Edizione
Questa Volta metti in scena… PINOCCHIO

Il tema della 14^ edizione di Questa Volta metti in scena… si ispira al personaggio della fiaba di Collodi, per considerare con particolare attenzione le tante metafore presenti nel libro.
L’archetipo di Pinocchio trova spazio nel contemporaneo, perché sembra una storia ma racconta realtà dei giorni nostri. Il filo conduttore dell’intera favola è l’istinto di vivere, evolversi ed essere autonomi.
Vero-non vero, realtà e illusione, la duplicità del sé materiale e del vero sé, nascita-rinascita, tutte tematiche esaminate e viste da più angolazioni con la genialità e personalità dei vari protagonisti e ognuno con il suo linguaggio.
Questa Volta metti in scena… Pinocchio, con il sottotitolo Metafora della vita con svelamenti in arte e natura ideato e diretto da Lorena Matic, prevede diversi appuntamenti da agosto 2018 a marzo 2019 sia in regione che all’estero.
Le mostre, intervallate da incontri e conferenze, stage formativi per gli studenti delle scuole superiori ed un concorso artistico, ha visto a febbraio la cerimonia di premiazione al Teatro Miela di Trieste ed una esposizione in Slovenia al Palazzo Pretorio di Capodistria.
Tappa conclusiva del progetto a Casa Cavazzini – Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Udine con la presentazione del libro-catalogo ed una videoproiezione a marzo 2019.

LE BUGIE DEL MARE

MUSEO SARTORIO Trieste
giovedì 11 ottobre 2018

La mostra fotografica dal titolo Le bugie del mare realizzata in collaborazione con l’OGS – Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, analizza la bugia, una delle metafore della favola di Pinocchio, nel senso più positivo del termine, la bugia che porta alla vita.
Immagini spettacolari svelate dal fotografo subacqueo Adriano Morettin, pluripremiato a livello internazionale ed oltre 3000 immersioni all’attivo nei diversi mari del mondo, da Barbara Camassa collaboratrice dell’Area Marina Protetta di Miramare e dai ricercatori dell’OGS.
Figure fantastiche del regno animale, in cui il divenire altro da sé, il cambiare abito, inteso come mimesi – mutare forma e colore – rappresenta la salvezza, dall’uomo o dagli altri predatori per continuare a vivere.
Incontro con la direttrice generale dell’OGS Paola Del Negro.

 

LE API INDUSTRIOSE

GG.AC Galleria Comunale d’Arte Contemporanea Monfalcone
venerdì 9 novembre 2018

Doppia personale con l’artista tedesca Karin Andersen e lo spagnolo José Molina.
Il Paese delle Api Industriose, nel racconto di Collodi è il luogo in cui tutti hanno qualcosa da fare, sia con la capacità delle mani che con l’ingegno della testa ed è il luogo in cui Pinocchio ritrova la Fata Turchina e dove dipenderà da lui se rimanere bambino o ritornare burattino. Due artisti che si contraddistinguono – la prima con la fotografia ed il secondo con il disegno – per la qualità tecnica di altissimo livello e la certosina cura del particolare in cui ogni immagine racconta una storia a sé.
Karin Andersen indaga sul doppio significato di arte-natura e la nascita di nuove forme di vita tra scienza e tecnologia; José Molina mette in luce gli aspetti meno evidenti della natura umana in una narrazione visionaria tra vero-non vero.
In apertura della mostra, la performance del MITA – Accademia di Belle Arti G.B. Tiepolo di Udine e del violinista Pierpaolo Foti.

 

VERAPELLE

GALLERIA MEDUSA Capodistria, Slovenia
giovedì 21 febbraio 2019

La tela è sostituita dalla vera pelle, l’ago è il pennello e la mano è quella di Alex De Pase, uno degli artisti del tatuaggio più ricercati al mondo.
Inserito nel Tattoo Dream Team: Best of the Best, uno dei 10 migliori Tattoo Artists al mondo, è l’ideatore del World Wide Tattoo Conference – unica conferenza mondiale sul tatuaggio – ed è il direttore del Master Internazionale di Tatuaggio Artistico all’Accademia di Belle Arti GB. Tiepolo di Udine. Lo contraddistingue l’immagine iper realistica e il ritratto, in cui è difficile, per non dire impossibile, distinguere il vero dalla copia. Di recente ha ricevuto un importante riconoscimento al MACRO di Roma con cui viene inserito ufficialmente tra gli artisti contemporanei, decretando così la pelle, nuovo supporto materiale per la realizzazione di opere d’arte.

 

Mettiamoci all’OPERA

Stage formativi, masterclass e conferenze

Visiting Professor Karin Andersen e Adriano Morettin
conferenze con
Lorena Matic, direttore artistico del progetto
Sabrina Zannier, direttore artistico Festival Maravee

Liceo artistico Freudenberg – Svizzera, Zurigo
Ginnasio Gian Rinaldo Carli – Slovenia, Capodistria
I.T.S. Deledda – Fabiani e Liceo artistico E. e U. Nordio – Trieste
Liceo artistico G. Sello – Udine

 

Il concorso

Cerimonia di premiazione

Teatro MIELA – Trieste
venerdì 1 febbraio 2019

 

Opere premiate

Premiati

 

Palazzo PRETORIO – Capodistria, Slovenia
giovedì 21 febbraio 2019

 

CASA CAVAZZINI Museo d’Arte Moderna e Contemporanea – Udine
venerdì 15 marzo 2019
Proiezione e presentazione del catalogo con i protagonisti della 14^edizione

foto degli eventi di Jadran Rusjan

Translate »